IL SEGNO OPPOSTO. L’arte al femminile e il femminile nell’arte.

Courtesy Image by Selene Bozzato | Il segno opposto. L’arte femminile e il femminile nell’arte

Dal 6/03/2022 Al 20/03/2022
Villa Pisani – Riviera Giovanni Battista Belzoni, 22, 35043 Monselice PD
Ingresso libero
Richiesto Green Pass Rafforzato
In collaborazione con il Comune di Monselice, l’Assessorato alla cultura e Villa Pisani

A chi è rivolto: Amanti di arte contemporanea; Appassionati di scoprire nuovi artisti e artiste; Curiosi di vedere la realtà al femminile attraverso l’arte di Selene Bozzato.

English version here >> IL SEGNO OPPOSTO. L’arte femminile e il femminile nell’arte | The Opposite Sign. Feminine Art And The Feminine In Selene Bozzato’s Art

L’esposizione inaugurata il 6 marzo con la presentazione da parte dell’artista delle tematiche principali da lei affrontate, sarà visitabile fino al 20 marzo presso Villa Pisani di Monselice. Questa mostra si è svolta in collaborazione con il Comune di Monselice, l’Assessorato alla cultura e Villa Pisani.

Courtesy Image by Villa Pisani | ph. credits Elisa Mortin

Villa Pisani, edificata attorno al 1556, è situata nel centro storico di Monselice. Voluta da Francesco Pisani di Zuanne, nobile patrizio veneziano, come dimora per agevolare i suoi viaggi da e per Montagnana dove risiedeva la famiglia. L’edificio ha una pianta alla veneta, rettangolare e tripartita, con pareti semplici e aperture rettangolari. Fino alla fine del Settecento la famiglia rimase proprietaria della villa. Nel 1807 passò al cavaliere dell’Ordine Italico Iseppo Treves e nei primi Novecento al dottor Morrà. Verso gli anni Cinquanta del Novecento la acquisì l’Amministrazione Comunale per realizzare una scuola e successivamente vennero acquistate anche le aree limitrofe. Durante questo periodo venne modificato l’assetto con la demolizione di alcuni tramezzi. Nel 1983, la villa fu sottoposta a un’accurata campagna di restauri che coinvolsero sia la struttura architettonica che l’apparato decorativo interno. Nel 2012 si sono conclusi gli ultimi lavori di restauro che hanno riportato l’esterno e l’apparato decorativo interno alla bellezza attuale. Attualmente è gestita da Euganea Movie Movement, associazione culturale che opera in Veneto per la promozione della cultura cinematografica attraverso l’organizzazione di eventi, corsi, rassegne e festival. Gli spazi della villa sono prestigiosi sedi di eventi culturali.

Selene Bozzato, è un’artista a tutto tondo: pittrice, scrittrice e autrice teatrale. Nata a Padova nell’ottobre del 1976 e si diploma all’Istituto d’Arte “Pietro Selvatico” di Padova in arte applicata. Poi, si laurea in Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Padova. Ha fondato l’ente di promozione sociale “Punto e Virgola-Lo scrigno” per il sostegno a chi soffre direttamente o indirettamente di disturbi dell’umore, che ha come obiettivo la sensibilizzazione e il supporto ai disturbi dell’umore e alle malattie mentali. Riesce ad addentrarsi efficacemente in tematiche complesse e difficili come dimostra Luna nel bosco, il libro che ha scritto sul disagio psicologico da cui ha tratto uno spettacolo teatrale.

Courtesy Image by Virna Manatitni | Il segno opposto. L’arte femminile e il femminile nell’arte

IL SEGNO OPPOSTO. L’arte femminile e il femminile nell’arte presenta un approfondimento della ricerca che Selene ha a cuore ormai da vent’anni: il femminile. Quest’artista ha fatto sua la riflessione sul femminile e sulla situazione delle donne oggi e ha realizzato una esposizione che parla delle donne e con le donne. Affiancano le opere i versi di alcune poesie di Alda Merini, Vinicio Capossela, Marta Medeiros, Cristina Vasocon e autografe dell’artista stessa, uno scritto di Virginia Woolf, uno di Anna Burgio e una lettera di Camille Claudel. Il percorso espositivo si sviluppa nelle tre stanze, al piano nobile di Villa Pisani e ha inizio nella stanza centrale. Proseguendo, nelle due sale laterali trovano spazio le sue ricerche che raccontano la sua esplorazione della femminilità e l’espressione femminile nell’arte e nel mondo quotidiano. Nella stanza centrale, Selene Bozzato ha costruito un percorso che ruota attorno a quattro esponenti dell’arte del Novecento Camille Claudel, Jaenne Hèbuterne, Dora Maar e Niki de Saint Phalle. Artiste importanti eppure, di loro, si parla poco in questa funzione. Le si ricorda soprattutto come amanti, compagne, oppure muse ispiratrici di alcuni dei più grandi personaggi dell’arte.
Il filo conduttore di questa sezione, centrale nella mostra personale, è la “follia”. Condizione a cui queste donne sono state condannate e per cui sono state rinchiuse dai propri famigliari in sanatori, proprio per il loro essere artiste e il loro modo di vivere, posto al di fuori degli standard dell’epoca riservati alla donna. L’artista fa una rilettura delle biografie e della storia artistica delle protagoniste evidenziando la loro sorte comune e, allo stesso tempo, rendendo loro omaggio.

«Ricordate come muse, amanti, compagne di grandi artisti del Novecento come Rodin, Modigliani, Picasso ma non come le donne e le grandi artiste che erano.»

Selene Bozzato

In questa parte dell’esposizione, Selene mette sotto i riflettori il tema, non proprio recente ma ancora poco affrontato, del ruolo delle artiste nell’arte e nella storia dell’arte. Questa tematica ha fatto capolino intorno agli anni Ottanta, attraverso il gruppo attivista delle Guerrila Girls. La loro protesta concretizzata in un manifesto, esposto fuori dal Met Museum, denunciava la scarsa rappresentazione di artiste donne all’interno del museo newyorkese così come in molte altre grandi istituzioni. Da anni ormai, nonostante le tendenze negative, si cerca di restituire lo spazio legittimo alle donne in quanto artiste e qui, in questa particolare esposizione, si incontrano le interpretazioni del vissuto di queste donne, create dalla mano di un’artista che ha avuto la sensibilità non solo di calarsi nelle loro vite e di proporne una rilettura attraverso i suoi quadri, ma anche di presentarle per ciò che sono state: donne e artiste.
IL SEGNO OPPOSTO, ospitata in questa pacifica cittadina padovana, può tranquillamente andare ad annoverarsi tra le pietre di volta della costruzione della uguaglianza di genere. Il racconto, complesso e sfaccettato, della ricerca ed espressione della femminilità, trova in questa esposizione una ricca e ben documentata fonte di ispirazione e approfondimento. Attraverso i rimandi tra i testi e le opere realizzate, si mette in evidenza con incisiva finezza non solo i problemi che gli stereotipi di genere creano ma anche la particolarità e la forza della visione femminile all’interno dell’arte.

Courtesy Image by Virna Manatitni | Il segno opposto. L’arte femminile e il femminile nell’arte

La stessa cornice degli affreschi di Villa Pisani intesse un dialogo attivo con l’esposizione che è qui ospitata. Il ciclo pittorico, attribuibile a Lattanzio Gambara, è qualitativamente più alto rispetto a quello al piano inferiore e si sviluppa in un intreccio di architettura e scorci di ambienti campestri e racconti mitici. I richiami, pensati o inconsci, tra pareti e opere esposte si creano facilmente nella testa del visitatore già a partire dalle quattro figure che sovrastano le porte che conducono alle stanze laterali. A destra, la Reverenza in Dio, che indica il cielo con il dito in segno di monito per il rispetto e il timore che si deve a Dio, è di fronte a Tarlo. Il rimando di significati spirituali che si innesca, apportano ulteriore valore all’opera di Selene Bozzato ispirata alla figura di Dora Maar dopo che aveva incrociato la sua vita con Picasso epoi da lui abbandonata. Sfoggiando il suo significato simbolico, la Temperanza, che esprime il controllo delle cose attraverso il simbolo del vaso rovesciato sotto al piede, indica con la mano l’inizio del percorso della sala di destra che porta direttamente al quadro Allo specchio, posto in linea con l’apertura della porta. A sinistra, invece, una figura femminile che si tocca il ventre guardando il cielo apre la strada al dipinto Il dono. Sopra la porta successiva, si trova la Prudenza, che si guarda le spalle con uno specchio, e introduce il disegno a carboncino La luna nel bosco.
Il gioco di richiami, una volta individuato, si fa sempre più intenso specialmente se si inizia a considerare tutto il materiale scritto proposto e perfettamente inserito all’interno del percorso espositivo con l’intenzione, non solo di spiegare la visione dell’artista, ma anche di aiutare il visitatore a entrare più a fondo nella tematica esposta.

Courtesy Image by Virna Manatitni | Il segno opposto. L’arte femminile e il femminile nell’arte

Sicuramente, IL SEGNO OPPOSTO smuove nel visitatore una nuova curiosità e lo spinge a interrogarsi su di sé. Questo, forse, perchè la figura affrescata più di spicco in questa visione, probabilmente per il suo essere priva di colore in mezzo al paesaggio campestre, è quella di una delle due cariatidi presenti sulla parete di destra della sala centrale. Questa, guarda quasi con cruccio verso la sala e in questo modo incrocia lo sguardo con Lilith, la figura che si ispira alla vita di Nikki de Saint Phalle, l’unica tra le quattro artiste che Selene Bozzato ha rivisitato, che è riuscita a fare della sua arte e del suo vissuto una situazione di violento e potente riscatto verso la visione patriarcale del ruolo della donna all’interno della società. Pensiero ancora oggi comune a tante persone come dimostrano gli avvenimenti che si verificano quotidianamente.
In questa opera, la figura del demone viene scansata e sorpassata dalla visione di Selene che propone una rivisitazione di Lilith come dea, finalmente conscia della sua forza, del suo potere e della sua femminilità. Il riferimento continuo tra storia e mito, moderno e contemporaneo, affreschi delle pareti della villa e opere esposte, crea una tensione che stimola ulteriormente la scoperta.
Molti sono i rimandi che si intessono tra le figure sulle pareti e le opere esposte. Se vuoi scoprirne altri, non devi fare altro che andare a Villa Pisani e ascoltare tramite il tuo telefono le audioguide messe gratuitamente a disposizione del pubblico.

Vuoi andare all’esposizione?

Qui gli orari di apertura e le informazioni necessarie!

Consiglio: L’opportunità di capire che le donne hanno ogni diritto di entrare nei musei più importanti anche se non sono nude.

DiscordArtE

Have you been there?

Vuoi rimanere con DiscordArtE? Seguici!

Graphic Project by Michele Ricciardi

English version here >> IL SEGNO OPPOSTO. L’arte femminile e il femminile nell’arte | The Opposite Sign. Feminine Art And The Feminine In Selene Bozzato’s Art

Segui la tua curiosità!


4 risposte a "IL SEGNO OPPOSTO. L’arte al femminile e il femminile nell’arte."

  1. Selene è una artista e donna di profonda cultura con il dono di non vivere l’arte, ma di respirarla attraverso ogni singolo poro della sua pelle, riuscendo a trasmetterla nei suoi lavori

    "Mi piace"

    1. Siamo pienamente d’accordo con questo.
      La ricerca ed espressione artistica di Selene Bozzato sono di alto livello e riesce a trasmettere la sua passione e a catturare immediatamente l’interesse anche di un visitatore disattento.

      Sicuramente un’artista di cui vogliamo scoprire di più!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...